A Chi Spetta la Riparazione del Cancello Automatico

In questo articolo andremo ad analizzare a chi spetta la riparazione di un cancello automatico acquisito, quindi non automatizzato da noi.

Abbiamo affrontato l’altro giorno sul nostro portale un post di un nostro caro amico installatore di Roma che riguardava un cancello automatico in condizioni disastrose.

Nel video, pubblicato dal nostro amico del portale, si vedeva chiaramente come il cancello automatico non arrivasse in chiusura, quindi elettroserratura completamente aperta e di come avesse gli attacchi dei motori storti (per citare due dei tanti problemi).

Attacco motori cancello automatico storti, chi deve fare manutenzione

Visto che è stato chiamato per effettuare la manutenzione e riparazione del cancello automatico, tenendo presente che non è lui il costruttore, ci siamo chiesti chi debba intervenire e come avesse dovuto comportarsi con l’amministratore del condominio.

Cancello Automatico Rotto, Chi Deve Fare Manutenzione

Innanzitutto, il tuo comportamento da installatore dev’essere il più professionale possibile.

La prima cosa da fare è sicuramente quella di avvisare l’amministratore di condominio e avvisarlo della situazione.

Il nostro amico di Roma ha scritto una lettera molto professionale:

Gentile amministratore,

La problematica da lei segnalata si è verificata a seguito della forzatura del serramento da parte di ignoti, tale forzatura ha causato il parziale distacco della staffa posteriore del motoriduttore. Provvederò al ripristino della stessa per rimettere in funzione il serramento, contestualmente ripristinerò anche la contropiastra dell’elettroserratura anch’essa rimossa da ignoti.


Tengo a puntualizzare quanto segue, il serramento risulta essere pericoloso e sprovvisto della documentazione prevista dalle attuali normative in materia di sicurezza, pertanto la invito a contattare il costruttore dell’automazione al fine di regolarizzare la situazione, preciso inoltre che l’intervento da me realizzato NON modifica di fatto la macchina ed è da intendersi come manutenzione ordinaria, qualora volesse affidarmi la risoluzione delle problematiche sopra scritte, fornirò una dettagliata offerta economica per le opere da realizzare, supportata da relazione tecnico normativa.


Per quanto sopra scritto declino al condominio e in particolare alla sua figura di amministratore come responsabile della sicurezza eventuali responsabilità per danni cagionati dall’utilizzo dell’impianto a persone animali o cose.


Cordialmente…

Come riportato nella lettera, effettuare una riparazione, installando un motore identico a quello precedentemente installato non implica una modifica alla macchina e di conseguenza ci tira fuori da ogni responsabilità. È bene seguire alla lettera questo consiglio, per evitare di tirarci dietro problemi di cui sicuramente non abbiamo bisogno.

Ma se riparo il cancello, non metto in moto una macchina potenzialmente pericolosa?

No, sostituire il motore con lo stesso identico modello non implica aver fatto una valutazione dei rischi ed è giusto anche precisarlo, su carta bianca, proprio come scritto prima.

Solo ora puoi buttar giù un preventivo dettagliato, in cui spieghi tutti i rischi e gli eventuali interventi da effettuare affinchè il cancello torni a funzionare in modo regolare e senza rischi per chi lo utilizza.

Non potevo fare subito il preventivo senza mettere a posto il cancello?

Si, è possibile anche astenersi dal toccare il cancello per sistemarlo e scrivere subito un report dettagliato per l’amministratore.

Di contro, rischierai di perdere un possibile lavoro.

Avere un atteggiamento non troppo rigido aiuta l’amministratore a non porsi in una situazione di difficoltà verso il condominio e tu lo stai mettendo davanti alla realtà delle sue responsabilità oggettive. Tu ti tiri fuori agli occhi del condominio e dell’amministratore stesso, dimostri di essere un professionista e loro arrivano da soli alla conclusione qualunque questa sia.

Ma la cosa importante secondo me è che tu non vieni giudicato come quello che va in giro a bloccare impianti, facendoti terra bruciata intorno.

Inoltre se scrivi un preventivo dettagliato, se vuoi puoi aiutarti con queste linee guida che ho scritto per te, sarà per te un plus da presentare a chi gestisce la manutenzione del cancello automatico.

I lavori persi non sono persi, sono lavori che non avresti mai fatto perché non rispettano i minimi criteri di sicurezza che devi garantire al cliente con la Dichiarazione CE finale.

Tu come ti saresti comportato? Raccontacelo sul nostro portale.